Cronaca

Rapina a Milik, acquisite le immagini di videosorveglianza: c'era uno terzo uomo

Sul caso la Procura di Napoli Nord, coordinata da Francesco Greco, che ha delegato ai carabinieri della tenenza di Varcaturo

Arek Milik

Vanno avanti le indagini sulla rapina subita dal calciatore del Napoli Arkadiuz Milik al suo rientro a casa dopo il trionfo degli azzurri col Liverpool, mercoledì scorso a Giugliano.

Gli inquirenti, allertati dalla denuncia del polacco – la Procura di Napoli Nord, coordinata da Francesco Greco, che ha delegato ai carabinieri della tenenza di Varcaturo – hanno acquisito le immagini delle telecamere di sorveglianza lungo le strade che da Napoli portano a Varcaturo.

Le altre rapine "eccellenti" degli ultimi anni

L'obiettivo è risalire allo scooter con in sella i due rapinatori armati che hanno preso di mira e poi assalito il calciatore, portandogli via un orologio Rolex Daytona Cronograph dal valore di 27mila euro.

Secondo la ricostruzione della vittima, i due rapinatori l'avrebbero atteso all'esterno del viale chiuso da un cancello elettrico davanti la villa in cui vive, a pochi chilometri dal centro di allenamento del Napoli di Castel Volturno. Si tratta di una circostanza che fa pensare ad un colpo assolutamente mirato, con tanto di "specchiettista" che, all'esterno del San Paolo, deve aver avvertito i due rapinatori che Milik e la fidanzata avessero lasciato Fuorigrotta per tornare a casa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina a Milik, acquisite le immagini di videosorveglianza: c'era uno terzo uomo

NapoliToday è in caricamento