menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri

Carabinieri

Violenta rapina in casa, bimbo di due settimane chiuso in bagno: scattano gli arresti

A finire in manette due albanesi componenti di una banda di otto persone che, lo scorso 7 aprile, agirono in un'abitazione di Casalnuovo. A casa dei due sono stati trovati oggetti di valore rapinati in altri colpi

Lo scorso 7 aprile picchiarono il suocero dell'imprenditore nella cui casa erano entrati per compiere la rapina e rinchiusero in bagno tutti i presenti, tra cui un bambino di sole 2 settimane. I carabinieri hanno arrestato nelle ultime ore due albanesi componenti di una banda di otto persone che portarono a termine pochi giorni fa il colpo in un'abitazione di Casalnuovo. A casa dei due sono stati trovati oggetti di valore rapinati in altri colpi compiuti a San Giuseppe Vesuviano ed a Sant'Anastasia.


LA RICOSTRUZIONE - La sera del 7 aprile scorso otto persone con il volto coperto da passamontagna e armati di pistola, di mazze e di cacciavite, dopo essersi arrampicati su un muro di recinzione ed aver sfondato una finestra hanno fatto irruzione nella casa di un imprenditore di Casalnuovo di Napoli malmenando alcune persone presenti in casa, in particolare il suocero dell'imprenditore, procurandogli ferite alla testa ed agli arti guaribili in 15 giorni. Subito dopo le botte, l'intimazione di aprire la cassaforte, dalla quale hanno portato via una considerevole somma di denaro, oggetti preziosi e due pistole legalmente detenute. Dopo aver terminato l'azione criminosa, i rapinatori hanno fatto entrare tutte le persone nel bagno (tra le quali il figlio del padrone di casa, di sole 2 settimane) e le hanno chiuse a chiave dall'esterno. E' stata subito avviata una intensa attività investigativa che ha portato alla rapida individuazione di due degli autori della rapina, che sono stati formalmente riconosciuti dalle vittime e sottoposti a fermo dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Castello di Cisterna e della stazione di Acerra. Proseguono le indagini per l'individuazione dei sei complici dei fermati. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento