Parla il padre di Francesco: "I poliziotti che hanno picchiato mio figlio? Dovrebbero trasferirli in Messico"

A Chi l'ha visto Giovanni Di Fabio, padre del ventenne malmenato e offeso da due poliziotti in via Santa Brigida. "Lo hanno trattato come un criminale"

(Chi l'ha visto 11/04/18)

Giovanni, il padre di Francesco, il ragazzo picchiato dai poliziotti in via Santa Brigida a Napoli, ha parlato a Chi l'ha visto: "Secondo me i due poliziotti dovrebbero essere trasferiti a Città del Messico. Non è giusto, mio figlio forse voleva evitare multe che sarebbero arrivate al titolare. E ora dico per fortuna è uscito il video su facebook. Altrimenti tutto questo restava nascosto". Ieri, ha raccontato Giovanni De Fabio, "sono venuti i poliziotti a prenderlo perché il magistrato voleva parlare con lui. In Questura gli hanno preso impronte e foto segnaletiche, come fosse un criminale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento