rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Covid, studenti italiani bloccati a Malta: tra loro anche una ragazza napoletana

Più di 70 ragazzi italiani, tutti minorenni, sono bloccati sull'isola, in un albergo, poiché 21 di loro sono risultati positivi al Covid con sintomi

Più di 70 ragazzi italiani, tutti minorenni, in vacanza a Malta sono bloccati sull'isola, in un albergo, poiché 21 di loro sono risultati positivi al Covid-19 con sintomi.

"Si tratta di un gruppo di ragazzi più tre persone dell'agenzia che ha organizzato il viaggio e 21 dei ragazzi sono risultati positivi al tampone eseguito dalle autorità sanitarie maltesi - racconta all'Adnkronos Rodrigo Sanchez, avvocato e padre di uno dei ragazzi bloccati a Malta - E tutti, positivi e non, sono stati portati in un albergo dove dovranno trascorrere una quarantena di almeno 13 giorni. Il viaggio è assicurato e il direttore dell'agenzia che ha organizzato il viaggio è già a Malta per valutare la situazione e poi vedere cosa fare. E vorrei ringraziare l'agenzia, come anche l'ambasciata italiana che si è immediatamente attivata per dare assistenza".

"I ragazzi, tutti tra i 14 e i 15 anni, sono stanchi e qualcuno spaventato - prosegue Sanchez - . Non possono stare soli. Le autorità maltesi hanno inviato una mail ai genitori dei ragazzi risultati positivi e scrivendo che sarebbero stati posti in quarantena per 13 giorni. Certo non so come si potrà risolvere: spero che l'ambasciata e il direttore dell'agenzia di viaggi, che ringrazio ancora una volta per l'aiuto e l'assistenza che da subito hanno dato ai ragazzi, riescano a risolvere questa situazione difficile e complicata".

Anche una ragazza napoletana tra gli studenti bloccati a Malta

C'è anche una ragazza di Portici tra gli studenti italiani bloccati a Malta. La madre della giovane - come riferisce l'Ansa - si è rivolta all'avvocato partenopeo Erich Grimaldi, presidente del comitato "Cura Domiciliare Covid19" per chiedere assistenza. L'avvocato Grimaldi si è subito adoperato per mettere la donna in contatto con un medico del gruppo che potesse assistere a distanza la ragazza e la famiglia.

La nota dell'Ambasciata d'Italia a La Valletta

"Negli ultimi giorni a Malta si è registrato un incremento di casi di contagio da Covid-19, soprattutto tra giovani studenti che partecipano a corsi di lingua inglese nell’Arcipelago. L’Ambasciata, in raccordo con le competenti Autorità maltesi, sta seguendo i casi nei quali sono coinvolti cittadini italiani. Il Personale della Sede, compatibilmente con le restrizioni di carattere sanitario, si sta recando presso le strutture dove sono ospitati i gruppi più numerosi di connazionali, per assicurare che il trattamento risponda agli standard concordati in occasione dell’acquisto del pacchetto. Secondo il Ministero della Salute maltese, sono attualmente 9 i focolai presso altrettante scuole di lingua inglese. In ragione della attuale tendenza, è stata diramata, alle 16,30 di venerdì 9 luglio l’informazione in base alla quale dal 14 luglio prossimo con ogni probabilità saranno sospesi i corsi di lingua inglese nell’Arcipelago. Considerata l’evolversi della situazione epidemiologica in Europa e nel mondo, si raccomanda adeguata prudenza nella pianificazione e nello svolgimento di viaggi all’estero. Si fa altresì presente che, stante la difficoltà di prevedere l’andamento ulteriore della pandemia, sono ipotizzabili future ulteriori restrizioni agli spostamenti da/per le isole maltesi. Si invita infine a segnalare – all’indirizzo e-mail: consolare.lavalletta@esteri.it laddove se ne venisse a diretta conoscenza - eventuali nuovi casi di contagio sopravvenuti nell’Arcipelago". Così in una nota l'Ambasciata d'Italia a La Valletta. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, studenti italiani bloccati a Malta: tra loro anche una ragazza napoletana

NapoliToday è in caricamento