Cronaca

L'arancia, frutto succoso: perché in napoletano si chiama "Purtuallo"

Sull'origine della parola ci sono addirittura tre ipotesi. Tre storie e tre diverse lingue. La più credibile sembra essere quella che fa discendere il termine da quello greco "portokalia"

Arancia

L'arancia è il frutto tondo e succoso dell'arancio. Agrume saporito e ricco di proprietà, è tipico del Sud Italia e in particolare della Sicilia.

A Napoli questo delizioso frutto è chiamato "Purtuallo" e persino wikipedia (nella sua versione dialettale) ne dà anche una divertente definizione in napoletano. "'O Purtuallo - si legge - vene chiammato chillo frutto ca in italiano se chiamma Arancia. 'O Purtuallo cresce ncopp'a chianta e ll'arancio, sta pur a differenze tra Purtuallo doce e purtuallo amaro. Co' purtuallo se po' fa' pure 'nu buon zuc 'e frutt ca cuntene tanta vitamina C".

Sull'origine della parola "Purtuallo", invece, ci sono addirittura tre ipotesi. Tre storie e tre diverse lingue, secondo quanto riferisce Federico Quagliuolo sul portale Storie di Napoli:

La prima e più fantasiosa storia risale alla dominazione francese: i soldati, infatti, distribuivano periodicamente arance gratis alla popolazione, esclamando in Francese “pour toi!”. I napoletani, allora, accorrevano in massa a prendere “‘e purtuà”.

La seconda teoria collega l’origine allo Stato del Portogallo, che vendeva le arance agli spagnoli che, a loro volta, le portavano a Napoli.

La terza è l’ipotesi più affascinante e forse anche la più credibile: la parola deriverebbe addirittura dal Greco “portokalia” (…o portokalòs!), che significherebbe, appunto, arancia. Questo spiegherebbe anche perché molte lingue orientali abbiano declinazioni di “purtuall'” come nome proprio dell’agrume.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arancia, frutto succoso: perché in napoletano si chiama "Purtuallo"

NapoliToday è in caricamento