Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Blitz all'alba sui monti Lattari: i carabinieri trovano piantagioni di "purple weed"

Per i militari segnale che il mercato sta cambiando, la marijuana viola più pericolosa di quella tradizionale

Blitz dei carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia nella zona dei Monti Lattari, conosciuti anche come la "Giamaica italiana", per il loro clima particolarmente favorevole alla crescita e sviluppo della pianta. "Ogni cambiamento della vegetazione può essere fondamentale e anche il colore delle piante può favorire eventuali avvistamenti", spiegano i militari che per poter perlustrare l'intrico di vegetazione utilizzano elicotteri e da qualche tempo anche i droni.

Proprio grazie ad un drone i militari hanno individuato 15 piante, tutte alte circa un metro e 80 e in perfetta fioritura. Dal sequestro un dato allarmante: il mercato si sta evolvendo e sempre più richiesta è la purple weed detta anche purple haze più pericolosa di quella tradizionale. Le piantine individuate sono piccole, probabilmente appena messe a dimora e non ancora produttive. 

Nel corso del blitz è stato arrestato un uomo, Catello Battimello, 68enne di Sant’Antonio Abate già noto alle forze dell’ordine e con precedenti specifici. Battimello aveva cercato di fuggire nascondendosi tra la vegetazione ma è stato individuato grazie ad un drone 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz all'alba sui monti Lattari: i carabinieri trovano piantagioni di "purple weed"
NapoliToday è in caricamento