menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Infermieri del Loreto Mare, protestano contro il mancato pagamento

Il personale della struttura napolentana, protesta contro il mancato pagamento degli stipendi oltre ai maltrattamenti ricevuti da alcuni parenti dei pazienti, in corsia con coltelli, pistole e "giocate alla mano"

Operazioni chirurgiche ordinarie a rischio nell'Ospedale di Loreto Mare. L'annuncio viene direttamente dal personale ospedaliero per protestare contro il mancato pagamento dello stipendio, in ritardo dal 27 luglio scorso.

"Dalla dirigenza - spiegano alcuni infermieri - continuano a dire che i pagamenti saranno effettuati a giorni, ma la situazione va avanti da mesi, con i ritardi che continuano a prolungarsi. Questa volta siamo arrivati a 12 giorni, ma si vocifera che l'erogazione del salario potrebbe anche slittare a settembre".

I paramedici minacciano l'allargarsi della protesta anche al restante personale ospedaliero: "La situazione è comune a tutto il personale dell'Asl Napoli 1 e mentre l'azienda cerca di recuperare soldi per pagare gli altri creditori, noi siamo sottoposti a turni massacranti, che possono anche sfiorare le 18 ore continue.- dicono gli ausiliari - Per non parlare poi delle violenze cui siamo sottoposti da parte dei parenti di alcuni pazienti: persone che arrivano al pronto soccorso armati di pistole, coltelli, che ci minacciano e qualche volta ci hanno anche presi a schiaffi, credendo di riuscire a salvare il loro caro malmenando i camici bianchi e gli infermieri".

La protesta continuerà ad oltranza seppur verranno garantite le operazioni urgenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Esplosione ai Colli Aminei, distrutto un negozio

  • Cronaca

    Lite finisce nel sangue, uomo ucciso a colpi di cric

  • Cronaca

    Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

  • Cronaca

    Tragedia in metropolitana: uomo travolto da un treno

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento