Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Whirlpool, operai forzano blocco polizia e occupano l'Autostrada

In un documento inviato all'autorità americana di Borsa a fine ottobre, Whirlpool avrebbe dichiarato la volontà di chiudere la produzione nel sito campano di via Argine nel 2020

 

Tornano a protestare gli operai della Whirlpool, che stamattina in corteo hanno forzato un blocco della polizia e - dopo alcuni secondi di tensione - sono arrivati sulla rampa dell'autostrada A3 bloccandola per circa una mezz'ora all'altezza dello svincolo di San Giovanni a Teduccio. Nello sfondamento del blocco, un lavoratore è rimasto livemente contuso a causa di un colpo alla gamba.

La manifestazione segue la diffusione della notizia secondo cui l'azienda, in un documento inviato all'autorità americana di Borsa a fine ottobre (il giorno dopo l'intesa col Governo italiano sulla permanenza a Napoli), avrebbe dichiarato la volontà di chiudere la produzione nel sito campano di via Argine nel 2020. A questo si aggiunge che dal Governo non sono giunte conferme sul tavolo istituzionale promesso per il 20 gennaio. 

"Si torna a far cresce la tensione su una vertenza lavorativa lontana dalle conclusioni", hanno spiegato i lavoratori ieri in assemblea. "Non c'è nessuna volontà di garantire un futuro al sito produttivo di Napoli". "Non vogliamo assistenzialismo - affermano gli operai - vogliamo il rispetto degli accordi ministeriali, degli italiani, del lavoro".

"PRONTI A SCONTRI CON POLIZIA"

Il Governo deve costruire "una cabina di regia che serva davvero a seguire le vertenze, a seguirle sino a che finalmente si trova un esito positivo", ha commentato intanto Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl. "Le vertenze vanno seguite - ha proseguito Furlan - non basta spostarle nel tempo. Bisogna mantenere in vita l'azienda, e soprattutto il lavoro. Per questo noi continuiamo a dire al Governo che il tavolo più importante di quelli annunciati dal presidente del Consiglio, non Conte uno ma Conte due, è quello sulla crescita, è quello sul lavoro".

Intanto riprenderà il 29 gennaio prossimo, alle 10, il tavolo di confronto al Mise, tra Whirlpool e Fim Fiom e Uilm. La convocazione arriva dal Ministero dello Sviluppo, a firma del vice capo di gabinetto Giorgio Sorial.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento