rotate-mobile
Sabato, 30 Settembre 2023

Con il caro-bollette il pane a rischio: "Pronti a chiudere i forni"

Centinaia di panificatori, in piazza Plebiscito con i loro furgoni, hanno regalato prodotti da forno ai passanti: "Aumenti del 700 per cento, dovremmo vendere il pane a 10 euro al chilo ma noi siamo con il popolo"

"Con gli aumenti che abbiamo subito dovremmo vendere un chilo di pane a 10 euro, ma noi siamo dalla parte del popolo". Sono centinaia i panificatori che si sono riversati oggi in piazza del Plebiscito con i loro furgoni, per celebrare il "funerale della panificazione". Artigiani provenienti da tutta la Campania, ma molti si sono messi in viaggio anche da Roma per protestare contro il caro-bollette. 

"Aumenti del 700 per cento - denuncia uno di loro - non possiamo più sostenere i costi e non possiamo chiedere ai nostri clienti cifre assurde, il pane è un alimento del popolo". C'è anche chi va nel dettaglio: "A ottobre 2021 ho pagato 1.800 euro di bollette, ad agosto 2022 siamo arrivati a 6mila euro. Questo settore, in Campania, conta 5mila aziende e 30mila lavoratori. Senza aiuto chiuderemo tra poche settimane". 

In piazza anche molti giovani lavoratori di forni e panifici: "La maggior parte di noi ha 30 anni o meno. Dicono che non abbiamo voglia di lavorare, ma sono loro che non vogliono farci lavorare". La manifestazione è stata indetta dalla Unipal Confcommercio Napoli. Gli esercenti hanno distribuito pane gratis ai passanti: "Meglio regalarlo così, tanto se lo vendiamo ci perdiamo lo stesso". 

Alla fine, l'avvertimento al nuovo Governo: "A breve ci sarà una serrata e mancherà il pane sulle tavole dei cittadini. La storia ce lo insegna, quando manca il pane iniziano le rivoluzioni, la nostra inizia oggi". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Con il caro-bollette il pane a rischio: "Pronti a chiudere i forni"

NapoliToday è in caricamento