Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cento 'mutande' marciano a Chiaia. Federmoda: "Siamo i nuovi poveri"

I commercianti dell'abbigliamento sfilano in via Filangieri: hanno aggiunto il codice ateco per l'intimo alle loro attività: "Così possiamo restare aperti". L'allarme: "Nel quartiere chiusi già 15 negozi, ma in pochi mesi potrebbero essere il doppio"

La crisi arriva anche nel salotto buono di Napoli. Sfilano i commercianti di Chiaia, principalmente quelli impegnati nel settore dell'abbigliamento. E lo fanno stringendo tra le mani una mutanda. Una catena umana, composta da un centinaio di persone di cui gli slip rappresentano le giunture: "Visto che i negozi di intimo possono restare aperti e quelli di abbigliamento no - spiega Roberta Bacarelli, presidente di Federmoda Campania - abbiamo aggiunto alle nostre attività il codice ateco per vendere le mutande, così abbiamo la possibilità di aprire le nostre attività". 

Più che un aggiramento delle regole si tratta di una provocazione: "Nessuno di noi pensa di poter sopravvivere con la vendita dell'intimo - prosegue la Bacarelli - Vogliamo solo far notare al Governo questa incongruenza". Dall'inizio della pandemia, Chiaia ha registrato la chiusura di quindici negozi: "Ma entro fine anno le stime parlano di almeno 30 attività" sostiene Federfarma. Ed è questo dato che porta Roberta Bacarelli a un'affermazione che potrebbe far storcere il naso a qualcuno: "Siamo i nuovi poveri, non siamo più in grado di pagare gli affitti, né le utenze". 

Neanche il lusso, quindi, scampa alla crisi conseguenza dell'emergenza Covid. Di ristori neanche a parlarne, come spiega Maurizio De Stasio, commerciante: "Ho perso in poco più di un anno circa il 70 per cento del fatturato e ho ricevuto dallo Stato solo 2mila euro. Non ne possiamo più". Così come già registrato in altri quartieri della città, la principale preoccupazione è che le attività possano essere rilevate dalla malavita: "E' una possibilità concreta - conclude la Bacarelli - Se scompariamo noi si andrà verso la desertificazione dell'intero quartiere di Chiaia".   

Si parla di

Video popolari

Cento 'mutande' marciano a Chiaia. Federmoda: "Siamo i nuovi poveri"

NapoliToday è in caricamento