Profili fake di minorenni per adescare e ricattare uomini: 4 arresti e 10 indagati

L'inchiesta ha portato all'arresto di quattro napoletani. Una delle vittime ha corrisposto ai malviventi ben 300mila euro

Tutto partiva da una semplice richiesta di amicizia su Facebook proposta da profili di donne giovani, giovanissime (all'apparenza minorenni) e attraenti, dietro cui si nascondevano aguzzini pronti a ricattare fingendosi poliziotti, per poi trasformare la vita delle vittime in un vero e proprio incubo. 

Agiva così la banda composta da 4 uomini residenti in provincia di Napoli, sgominata dalla polizia dopo mesi di indagini. Una delle vittime cadute nella rete, un facoltoso professionista ligure, nell’arco di tre anni è arrivato a sborsare l'incredibile cifra di 300mila euro.  

Gli arresti

A finire in manette quattro napoletani di 37, 48, 28 e 32 anni, tutti trasferiti in carcere con l’accusa di estorsione aggravata. Altre dieci persone sono indagate per avere collaborato più o meno attivamente alle estorsioni, accettando di intestarsi le carte prepagate su cui venivano versati i soldi o accompagnando gli aguzzini a prenderli di persona. Spesso in modo estremamente violento e minaccioso, tanto che in un caso la procura di Genova ha contestato anche il reato di stalking.

I quattro sono stati arrestatti all’alba con un blitz coordinato dagli investigatori genovesi, con il supporto degli uomini della Squadra Mobile di Napoli e dal Commissariato di Acerra. Nel corso delle perquisizioni domiciliari, gli agenti hanno trovato alcuni finti distintivi e gioielli riconducibili ad alcune vittime.

L'inchiesta

Le indagini - come si legge su GenovaToday - sono partite nel 2018, e sono state condotte dagli investigatori della Quinta Sezione della Squadra Mobile di Genova in collaborazione con gli agenti del commissariato di Rapallo. La banda creava ad arte profili di giovani donne, poi cercava in rete quante più informazioni possibili sulle potenziali vittime, scegliendo quelle più ricche, e le agganciavano via social network. Iniziava così una conversazione virtuale che, una volta diventata compromettente, faceva scattare la seconda fase della trappola: le vittime venivano contattate dai membri della banda, che si spacciavano per poliziotti e le minacciavano di denunciarle per avere intrattenuto rapporti con ragazze minorenni. Spesso il primo contatto era seguito da visite a domicilio, dove il fantomatico tenente, accompagnato da “colleghi”, mostrando pistola e distintivo chiedeva il denaro per evitare di far partire la denuncia e per pagare l’avvocato ingaggiato per gestire la situazione. In molti casi, alle vittime veniva chiesto di pagare anche ipotetiche multe prese nel tragitto e altre spese, saldate non solo con contanti ma anche con gioielli. 

L’inchiesta è partita quasi per caso, quando, nell’estate del 2018, un passante ha segnalato alla polizia di Rapallo che un uomo veniva minacciato per strada da due sconosciuti. Gli agenti arrivati sul posto avevano individuato i due uomini e li avevano perquisiti, trovando addosso a uno un finto distintivo e altri oggetti utilizzati per fingersi appartenenti alle forze dell’ordine. Mai le vittime, sottoposte a un’enorme pressione psicologica, avevano provato a denunciare o a chiedere aiuto, convinte di essere a rischio denuncia, o peggio ancora, per avere intrattenuto rapporti (pur solo virtuali) con minori. Le vittime accertate sono due, ma gli inquirenti sono convinti siamo molte di più, e le indagini proseguono.

ULTERIORI DETTAGLI SU GENOVATODAY

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

Torna su
NapoliToday è in caricamento