rotate-mobile

Professore morto, le reazioni: "Scuola a rischio e territorio fuori controllo"

Parlano il sindaco Mottola e una rappresentante dei genitori: "Chiesto più volte aiuto alla Stato, ma non abbiamo mai avuto risposte". Un docente amico della vittima: "Persona sensibile, amava il suo lavoro"

"Marcello era un ottimo docente, dalla sensibilità straordinaria". Cipolletta è professore di religione e conoscente di Marcello Toscano, vittima dell'efferato delitto di Melito. Nella prima serata del 27 settembre, l'uomo, 64 anni, è stato trovato senza vita nel cortile della scuola, presumibilmente ucciso. 

"E' da ieri che non dormo - prosegue Cipolletta - spero che la verità venga fuori il prima possibile". La scuola Marino Guarano, teatro del macabro ritrovamento, è un luogo in cui la violenza non è nuova. Solo nell'ultimo anno sono stati registrati un pestaggio ai danni di una studentessa e l'accoltellamento di un 13enne da parte di un coetaneo. 

"Da tempo segnaliamo che questa scuola è a rischio e che il territorio è fuori controllo - afferma Manuela del Forte del Comitato genitori scuole di Melito - La risposta dello Stato non arriva e il Comune ha risorse limitate. Siamo preoccupati che questo delitto si sia consumato in ambito scolastico, forse in seguito a un provvedimento disciplinare. Forse i ragazzi erano ancora a scuola mentre si consumava la tragedia". 

Il sindaco Luciano Mottola conosceva la vittima: "Era un professore stimato da colleghi e genitori. Purtroppo, anche dopo i casi degli ultimi mesi, ho chiesto un'integrazione alle nostre forze di polizia. Non ci hanno ascoltato. Viviamo in un territorio di 40mila abitanti, il 20 per cento dei quali ha avuto problemi con la giustizia. Se continua così, dovrò consegnare le chiavi della città".  

Sullo stesso argomento

Video popolari

Professore morto, le reazioni: "Scuola a rischio e territorio fuori controllo"

NapoliToday è in caricamento