menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Sistema Romeo”: rinviati a giudizio l'imprenditore, Caldoro e Verdoliva

Romeo assolto per l'accusa di corruzione. A processo anche l'ex deputato Italo Bocchino

Rinvio a giudizio per l'imprenditore Alfredo Romeo, l'ex presidente della Regione Campania (e oggi capo dell'opposizione di centrodestra in Consiglio regionale) Stefano Caldoro, l'ex parlamentare Italo Bocchino e il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva. Questa la decisione del gup di Napoli al termine di un'udienza che ha visto coinvolti ben 55 imputati.

All'imprenditore Romeo sono contestati i reati di associazione per delinquere, frode in pubbliche forniture, traffico di influenze, mentre è stato assolto dall'accusa di corruzione e prosciolto da due ipotesi di evasione fiscale. A processo anche Verdoliva, al quale è contestata la frode in pubbliche forniture, mentre a Caldoro e Bocchino è contestato il traffico di influenze. L'inchiesta della Procura di Napoli riguarda il presunto "sistema Romeo" per delitti contro la pubblica amministrazione.

Nell'udienza preliminare svolta davanti al gup di Napoli, Romeo è stato assolto dall'accusa di corruzione e da due ipotesi di evasione fiscale. Assolto per quest'ultimo reato anche l'amministratore di Romeo Gestioni, Enrico Trombetta. Romeo è stato rinviato a processo in relazione alle ipotesi di associazione per delinquere, ipotesi in una prima fase eliminata dal gip ma sulla quale il gup ha ritenuto necessario un approfondimento in fase processuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Attualità

La Fontana del Tritone torna a vivere dopo sei anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento