Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Riciclaggio, chiesti quattro anni per l'ex capo della squadra mobile Pisani

L'accusa, formulata dai Pm Amato e Parascandolo, è di aver rivelato i contenuti dell'inchiesta sui soldi riciclati dai clan nei ristoranti al suo amico Marco Iorio, ristoratore anch'egli imputato

Vittorio Pisani

Quattro anni di reclusione, ed interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Queste le richieste avanzate dai Pm al processo nei confronti di Vittorio Pisani, ex capo della squadra mobile di Napoli. Le accuse sono di favoreggiamento, rivelazione di segreto e abuso di ufficio.

Pisani avrebbe rivelato, al coimputato e amico Marco Iorio - titolare di una importante catena di ristoranti - il contenuto di un'inchiesta che verteva sul riciclaggio, attraverso i locali, di denaro della camorra. Per Iorio i Pm Sergio Amato ed Enrica Parascandolo hanno invece chiesto 13 anni; rispettivamente 11 e 8 anni per i fratelli Massimiliano e Carmine; 8 anni per la cognata Sandra De Caro; un anno e mezzo per il collaboratore di giustizia Salvatore Lo Russo, che ha dichiarato di avere investito nei ristoranti un milione e mezzo di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riciclaggio, chiesti quattro anni per l'ex capo della squadra mobile Pisani

NapoliToday è in caricamento