menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Davide Bifolco

Davide Bifolco

Processo Davide Bifolco: "Passi in avanti verso l'accertamento della verità"

Il ragazzo di 17 anni fu ucciso nel rione Traiano di Napoli il 5 settembre del 2014 con un colpo di pistola partito dall'arma di ordinanza di un militare durante un inseguimento

E' stata incentrata sulle testimonianze di due carabinieri l'udienza nel tribunale di Napoli sull'omicidio di Davide Bifolco, il ragazzo di 17 anni ucciso nel rione Traiano di Napoli il 5 settembre del 2014 con un colpo di pistola partito dall'arma di ordinanza di un militare durante un inseguimento.

"E' stata un'udienza positiva - ha fatto sapere l'avvocato Fabio Anselmo, legale della famiglia Bifolco - perché sono stati fatti passi in avanti verso l'accertamento della verita' ma anche perché si è squarciato il velo pure sulle non verita'".

In tribunale, a deporre, il collega di pattuglia del militare che ha sparato e il comandante della stessa pattuglia. "Davide è stato sempre identificato durante l'inseguimento come colui che indossava una maglietta bianca - continua l'avvocato Anselmo - indumento che non figura tra i reperti e di cui si sono perse le tracce. Lo stesso carabiniere ha anche affermato che, probabilmente, il passeggero che era in sella allo scooter guidato da Davide non era Arturo Equabile, il latitante ricercato dalle forze dell'ordine, cosi' come abbiamo sempre sostenuto e come hanno sostenuto i nostri testimoni".

"Manca all'appello anche il bossolo del proiettile partito dall'arma di ordinanza del carabiniere che ucciso Davide", ha concluso l'avvocato Anselmo, "e anche su questo si dovra' fare luce".

La prossima udienza è stata fissata per l'11 marzo 2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Villa mozzafiato in vendita a Marechiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento