menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo nel Quadrilatero delle carceri, in sette a giudizio

Nell'agosto 2014 crollò una palazzina a via Magnolia a Torre Annunziata ferendo due persone. Dal 2011 ai proprietari dello stabile erano stati ordinati i lavori di messa in sicurezza

Rinviati a giudizio sette proprietari di appartamenti all'interno del rione delle Carceri di Torre Annunziata. L'accusa mossa dalla procura oplontina nei loro confronti è quella di disastro colposo per il crollo del palazzo di via Magnolia del 28 agosto 2014. Un crollo che provocò due feriti ma che poteva finire molto peggio. A farne le spese furono una madre e il suo figlio disabile che furono colpiti dalla caduta di calcinacci. I due vennero immediatamente soccorsi e trasportati all'ospedale Sant'Anna di Boscotrecase e se la “cavarono” con delle contusioni. Il palazzo crollò su se stesso mandando nel panico l'intero quartiere sebbene nel rione popolare ormai tutti preannunciavano che prima o poi uno dei palazzi pericolanti fosse venuto giù.

A confermare i loro timori c'era infatti l'ordinanza del comune di Torre Annunziata del marzo 2011 che ordinava ai privati i lavori di messa in sicurezza della struttura. Un doppio “avvertimento” amministrativo completamente disatteso ma che poteva costare la vita alle persone del posto visto il crollo fragoroso che scosse quella mattina di fine agosto. Nel rione poi si susseguirono anche altri piccoli crolli e il sindaco Starita provò a mettere in sicurezza alla meglio la zona ammettendo però di non potersi sostituire ai privati oltre che le casse comunali non potevano sostenere lo sforzo economico della messa in sicurezza dell'area, calcolato in un totale di circa cento milioni di euro. Il processo per i sette privati partirà a dicembre dinanzi al tribunale torrese ed in quella occasione non è da escludere che sia le due persone ferite che il comune di Torre Annunziata si costituiscano parte civile per i danni subiti. Fisici e morali per madre e figlio e d'immagine per il comune che in quei giorni finì su tutti i tg e programmi d'informazione nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento