menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Precaria"

"Precaria"

"Precaria", tre giorni di Festival sui temi del lavoro e del precariato

Studenti, insegnanti e giornalisti insieme discuteranno strategie di comunicazione e di lotta incontrando economisti, esperti e soprattutto i lavoratori. Tutto il programma

Precaria, Festival delle culture e dei soggetti del precariato metropolitano promette tre giorni di incontri, dibattiti e workshop sui temi del lavoro e del precariato. Si comincia domani, 29 settembre. Un'occasione per riflettere e confrontarsi in vista della giornata internazionale degli indignados del 15 ottobre.

"Precaria" si propone come un'esperienza collettiva per creare un fronte comune di rivendicazione. Studenti, lavoratori, insegnanti e giornalisti insieme discuteranno strategie di comunicazione e di lotta incontrando economisti, esperti e soprattutto i lavoratori.

Il programma:

Giovedi 29 settembre
Interno del Maschio Angioino – Antisala dei Baroni

Ore 16.00:
workshop su valore sociale della conoscenza e diritti di cittadinanza, privatizzazione della formazione, la scuola come spazio pubblico.
Organizzato da Coordinamento precari della scuola (CPS), reti degli studenti medi e universitari, ricercatori precari

Ore 17.30
Conferenza- Assemblea su precarietà e lotte metropolitane:

Andrea Fumagalli (economista)
Maurizia Russo Spena (rete precari al servizio della pubblica amministrazione)
Francesco Raparelli (ricercatore precario Università la Sapienza)
Yvan Sagnet (portavoce dei braccianti immigrati in sciopero di Nardò)
Collettivo napoletano operatori sociali
Movimenti campani: piattaforma di rivendicazioni e iniziative verso il 15 ottobre

Cortile del Maschio Angioino
Ore 21:
CONCERTO
Jfk e la sua bella bionda
Pmk
Ciccio Merolla
E’ Zezi
Marco Zurzolo
Slivovitz

Proiezione di video-interviste ai partigiani napoletani sulle quattro giornate di Napoli del 1943 – a cura di InsuTv
——————————————

Venerdi 30 settembre
Interno del Maschio Angioino

Antisala dei Baroni
Ore 16.00
Workshop sul diritto precario all’informazione
a cura del Coordinamento campano dei giornalisti precari

Ore 17.30:
Le piazze del cambiamento, della rivolta e dell’indignazione nello spazio euro mediterraneo:

Intervengono:
Basma Mohamed (Egitto)
Hibai Arbide (Spagna – Acampada di Barcellona)
Lola Matamala (Spagna – Acampada Madrid)
Hamadi kaloutcha (Tunisia)
Collegamento Skype con i movimenti in Grecia
Collegamento Skype con Gandri Skulasson (Islanda)

Collegamento in videoconferenza con l’assemblea nazionale al Teatro Valle gestito dai precari dello spettacolo di Napoli
————————————————

Sabato primo ottobre
Palazzo Gravina – Facoltà di Architettura – via Monteoliveto

Video-istallazione di artisti di Gaza sul Mediterraneo

Ore 16.00:
Workshop su precarietà e spazi urbani a cura del comitato centro storico
Workshop sui movimenti sonori con Marco Messina (99Posse)

Ore 17.30
Conferenza su:
narrazioni, social network, democrazia dal basso, trasformazioni mediattive: l’infostream dei movimenti verso il 15 ottobre:

Con la partecipazione di
- Tiziana Terranova (docente università orientale e ricercatrice in microinformazione e democrazia)
- Franco Berardi – Bifo (scrittore e filosofo della comunicazione)
- hamadi kaloutcha - blogger tunisino arrestato dal regime di Ben Ali per la sua attività su internet
- Intervento No-Tav (via Skype)

Ore 19.00
Presentazione e proiezione del film “RCL – Ridotte capacità lavorative” di Paolo Rossi e Alessandro di Rienzo

Il Sud e il lavoro precarizzato verso il 15 ottobre:

coordina Emiliano Brancaccio (economista – università del Sannio)
con interventi della Fiom, della Usb e dei Cobas
comitato lavoratori Irisbus di Avellino
comitato lavoratori Fincantieri e indotto di Castellammare di Stabia
movimento Precari Bros
comitato lavoratori dei trasporti

Ore 22.30:
CONCERTO (nel cortile di Palazzo Gravina – facoltà di architettura)
Low Fi
24 GRANA in concerto
a seguire Dj Set


Durante i tre giorni di iniziative, inoltre, saranno permanentemente attivi:

a) MediaZone: macchine e dispositivi di guerriglia comunicativa verso il 15 ottobre – a cura dei media indipendenti napoletani

b) Atelier di autonarrazioni audio-video, condivisione di strumenti di cooperazione dal basso dei precari e microfisiche della resistenza a cura della rete organizzativa di Precaria

c) Uno spazio di informazione di genere a cura dei collettivi femministi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Monte di Pietà in vendita, i cittadini: "No a ristoranti e matrimoni trash"

  • Cronaca

    “Chi ha ucciso Maurizio ha dato una coltellata all'intera città”

  • Cronaca

    “Cinque ore di attesa per essere vaccinati”: la denuncia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento