Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cardinale Sepe "cameriere" per i poveri di Napoli

 

Crescenzio Sepe ha voluto servire uno a uno gli antipasti agli 800 ospiti speciali accolti nel Duomo di Napoli. Tanti erano gli homeless e i meno abbienti accorsi per il tradizionale pranzo sociale che si tiene tra Natale e Capodanno nella Cattedrale di Napoli. Il cardinale ha indossato il grembiule e ha servito mischiandosi agli altri camerieri volontari. "E' un segno di amicizia verso chi vive una condizione di sofferenza. Tutti noi, a partire dalle istituzioni, dobbiamo fare qualcosa di più per arginare una tale sofferenza. E' anche un dovere etico". 

L'arcivescovo di Napoli, grande tifoso degli azzurri, ha commentato anche gli ululati razzisti rivolti a Kalidou Koulibaly: "Sono fatti che non ci rendono uomini e che spero possano sparire il prima possibile. Oggi, in Duomo, ci sono persone di nazionalità diversa che si trattano come fratelli".  

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento