menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Povertà

Povertà

Caritas Campania denuncia: "Numeri allarmanti sulla povertà"

Gli "utenti" dei Centri d'ascolto Caritas del territorio campano sono raddoppiati: dai 3mila del 2007 si è passati ai quasi 7mila del 2010. Il cardinale Sepe: "Servono concrete politiche sociali"

La Caritas Campania rende noti dati allarmanti: secondo il dossier regionale relativo al 2010 la povertà negli ultimi tre anni è più che raddoppiata: dal 2007 ad oggi, infatti, i 27 Centri d’ascolto Caritas diffusi sul territorio campano hanno accolto sempre più “utenze”. Dalle tremila del 2007 alle quasi settemila del 2010 e circa 25mila persone in totale tra i 25 e i 54 anni, in maggioranza donne e sempre più migranti o persone vedove o separate con problemi lavorativi ed economici. Oltre a chiedere sussidi, cresce sempre più l’esigenza di rivolgersi a questi centri o alle diocesi anche per avere cibo e vestiario.

Numeri impressionanti, riportati dal quotidiano la Repubblica di Napoli, che rivelano anche che circa il 23 per cento della popolazione campana vive in una condizione di povertà relativa ( in media con in meridione, ma molto al di sopra della media nazionale pari all’11 per cento).

Certo influiscono su questi dati la mancanza di crescita e sviluppo del Paese e la forte disoccupazione (14 per cento in Campania, rispetto al 7 per cento della media nazionale). A crescere di molto è anche il debito familiare e questo porta inevitabilmente i giovani a lasciare la città ed emigrare verso zone ritenute più ricche.

Dalle pagine del Mattino, in un articolo di Carmela Maietta, si leggono in proposito le dichiarazioni del vescovo ausiliario, mons. Antonio Di Donna che sottolinea con forza che la povertà è uno scandalo e non bisogna mai commettere l’errore di ritenerla fisiologica in una società, finendo per considerarla inevitabile. Mentre il cardinale Sepe specifica che sono necessarie ed urgenti politiche sociali in grado di contrastare concretamente questo fenomeno e che la Chiesa non ce la fa a sostituire in maniera totale le istituzioni in questo campo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento