Mareggiata su Napoli, lungomare invaso da rifiuti

Il fenomeno, non nuovo, è questa volta più evidente a causa del persistere delle condizioni meteo

Foto Ansa

Plastica, a quintali, e rifiuti di ogni genere. È quanto le mareggiate degli ultimi giorni hanno riversato sull'arenile del lungomare Caracciolo di Napoli.

Per la loro rimozione sono intervenuti alcuni operatori del Comune di Napoli, ancora al lavoro per ripristinare il decoro della zona. La raccolta è fatta a mano o con l'aiuto di rastrelli.

Il fenomeno non è nuovo e si ripete dopo giornate di mare mosso, ma questa volta è stato particolarmente accentuato dalla durata e dalla forza della cattive condizioni meteorologiche.

PLASTICA E RIFIUTI SULL'ARENILE - VIDEO

Questa volta l'intera spiaggia presso la Rotonda Diaz è stata invasa da rifiuti galleggianti, tra cui bottiglie e grandi bidoni di plastica destinate alla mitilicoltura.

Un ulteriore problema, sottolineato dagli stessi operatori ambientali al lavoro sul posto, sarà rappresentato dallo smaltimento di quanto raccolto.

Il commento: "La natura si ribella agli incivili"

"Siamo di fronte alla ribellione della natura dinanzi all’inciviltà di chi sversa rifiuti in mare", è stato il commento del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli dei verdi e di quello della I Municipalità del Sole che Ride Gianni Caselli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due sottolineano la necessità di "politiche attive che coinvolgano i cittadini nella difesa del mare, sulla scorta di progetti virtuosi come quello attuato nell’area marina ‘Regno di Nettuno’ dove i pescatori si impegnano anche nel recupero della spazzatura abbandonata in acqua. Attraverso un impegno concreto da parte delle amministrazioni nel limitare al massimo l’uso della plastica e il coinvolgimento delle persone perbene nella difesa del mare si potrà fare in modo che scene come quella della rotonda Diaz non si ripetano in futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento