menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pizza fritta della Masardona

La pizza fritta della Masardona

La pizza fritta scala il Kilimangiaro, spedizione con la bandiera della Masardona

In Tanzania, a quasi sei km d'altezza, il 31 dicembre sarà messaggio di pace tra i popoli in nome della più famosa pizza fritta partenopea

Sul Kilimangiaro in Tanzania, precisamente ai 5895 metri dell’Uhuru Peak, da Capodanno sventolerà il vessillo delle pizza fritta. L'idea è della Scuola Namastè di Frosinone: una spedizione per lanciare un messaggio di vicinanza tra i popoli con – tra gli 11 alpinisti coinvolti – anche due napoletani, i montesi Luigi Pugliese e Oksana Berezyk, napoletanissima ucraina cresciuta nei Campi flegrei.

Saranno loro due a portare al cielo la bandiera della Masardona di Enzo Piccirillo, affiancata dal vessillo di Monte di Procida. Piccirillo, con i figli Cristiano e Salvatore, è felicissimo dell'iniziativa. Si parte nel giorno di Natale, l'ascensione per il Kilimangiaro inizia il 27 e la cima sarà toccata proprio a Capodanno.

Gli scalatori si fermeranno sul bordo del cratere Stella Point ed assisteranno alla prima alba del nuovo anno. "La nostra spedizione – spiegano gli organizzatori – vuole, attraverso un’eccellenza napoletana, rivolgere un augurio che parli di pace tra i popoli di tutte le razze e di ogni fede religiosa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Villa mozzafiato in vendita a Marechiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento