La nuova folle moda delle baby gang napoletane: pistola in faccia, ma non per rapina

Una pistola puntata in faccia ai malcapitati, non per rapina ma per 'gioco'. E' questa l'ultima folle 'moda' delle baby gang napoletane, in particolare al Centro Storico

Una pistola puntata in faccia ai malcapitati, non per rapina ma per 'gioco'. E' questa l'ultima folle 'moda' delle baby gang napoletane, in particolare al Centro Storico.

A testimoniare l'inquietante episodio è l'avvocato Paolo De Rosa. È toccato a lui qualche sera fa sperimentarlo, con due ragazzi sullo scooter, senza casco e armi alla mano, che in vico San Domenico, si sono avvicinati a lui e ai suoi amici, puntando contro di loro con volti minacciosi la pistola, per poi scappare via ridendo.

"Non è successo solo a me - racconta il giovane avvocato al Corriere del Mezzogiorno - . È accaduto anche a miei amici, che me lo hanno raccontato. So anche che qualche volta i ragazzi sparano in aria, magari a salve, per spaventare. I due che mi hanno affrontato sembrava si vantassero di mettere paura, il loro mi è sembrato un gesto goliardico sopra le righe".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento