Pozzuoli, il titolare della piscina in cui è annegato il bimbo: "Silenzio e commozione"

"Il silenzio è l'unica forma di rispetto da parte nostra", spiega il titolare, molto provato dalla morte del bambino di 4 anni, che mercoledì scorso è caduto in piscina durante un ricevimento

"Il silenzio è l'unica forma di rispetto da parte nostra nei confronti del bambino e di quello che è accaduto": così il titolare della piscina di Lucrino in cui è morto il piccolo di 4 anni, annegato mentre era con i genitori al ricevimento di un matrimonio. La struttura, molto nota, ha ripreso regolarmente le attività, come riportato da Cronaca Flegrea. Il titolare sarebbe molto provato dalla vicenda. Si segnala anche un macabro pellegrinaggio di curiosi che passano sul cavalcavia adiacente alla struttura per guardare la piscina della tragedia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

  • Elezioni Regionali Campania 2020: il fac-simile della scheda elettorale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento