Calci e pugni al padre che si rifiuta di dargli 50 euro per la droga: arrestato 16enne

Il giovane di Acerra, già noto alle forze dell'ordine, è finito in manette con l'accusa di tentata estorsione ed è stato portato nel centro di prima accoglienza per minori a Napoli, ai Colli Aminei

Droga

In arresto un ragazzo di 16 anni di Acerra, già noto alle forze dell'ordine, con l'accusa di tentata estorsione.

Il giovane è stato bloccato nella sua abitazione mentre tentava la fuga, immediatamente dopo aver picchiato a calci e pugni il padre 50enne, che si era rifiutato di consegnargli 50 euro per acquistare stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 16enne è stato accompagnato nel centro di prima accoglienza per minori a Napoli, in viale Colli Aminei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento