Non ottiene altri 20 euro per la droga: 23enne picchia mamma e sorella, distrugge auto e casa

Un giovane di Ercolano, che vive con la mamma e la sorella, da mesi chiedeva soldi per comprare droga. In settimana la madre gli aveva consegnato 250 euro. Dopo l'ennesima richiesta e il conseguente rifiuto, il giovane è andato in escandescenze

Era quasi un anno che chiedeva insistentemente soldi alla madre: ne aveva necessità per acquistare droga. Ogni rifiuto si trasformava in minacce, percosse e maltrattamenti. Per questi motivi, un 23enne di Ercolano già noto alle forze dell'ordine è stato arrestato dai carabinieri della tenenza locale per maltrattamenti e tentata estorsione.

I militari, intervenuti in casa dopo la telefonata della vittima disperata, hanno trovato l’abitazione in pessime condizioni. Armadi e sedie distrutte, piatti, bicchieri e vetri in frantumi. Secondo quanto ricostruito, il giovane aveva preteso per l’ennesima volta la somma di 20 euro. Al rifiuto della madre, motivato dal fatto che gliene fossero stati già consegnati 250 nella stessa settimana, l’uomo aveva colpito la donna con calci e pugni.

La sorella convivente, per difendere il genitore, era stata anch’ella colpita con uno schiaffo che le aveva spaccato il labbro. Una volta bloccato e arrestato, i carabinieri hanno raccolto la denuncia della donna. Il giovane, ha dichiarato la vittima, aveva addirittura distrutto la sua auto. Insoddisfatto dell’opposizione alla quotidiana pretesa di denaro, si era vendicato schiantando il veicolo contro il muro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le formalità di rito, il 23enne è stato giudicato con rito direttissimo presso il Tribunale di Napoli. Convalidato l’arresto, l’uomo è stato tradotto al carcere di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento