Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Lettere come il Sud America: sequestrata una piantagione di cannabis

 

A guardare le immagini sembrerebbe una puntata della serie tv Narcos. Invece, non siamo in Sud America, bensì a Lettere. E, soprattutto, non si tratta di una fiction. I carabinieri della stazione locale, coadiuvati dai militari di Sant'Antonio Abate e dagli elicotteristi di Pontecagnano, hanno scovato una distesa immensa di cannabis sui Monti lattari.

Le piante illegali si estendevano a perdita d'occhio, ben 2.600, alte dagli 80 centimetri ai 2 metri a seconda del grado di maturazione. Come se non bastasse, la coltivazione non è avvenuta su terreni privati, ma su suolo demaniale. Più terreni di proprietà dello Stato utilizzati per mettere in piedi una delle più grandi coltivazioni di marijuana della regione.

Il campo di cannabis è stato scoperto in una delle zone meno battute di Lettere, dove la vegetazione offre un nascondiglio perfetto dagli sguardi di forze dell'ordine e semplici cittadini. Ma l'attività illecità non è sfuggita alle perlustrazioni aeree. Durante la perquisizione dell'area, i carabinieri hanno trovato e sequestrato anche attrezzi per la coltivazione, come zappe e concimi. Le piante, invece, sono state campionate e distrutte sul posto.

Le indagini proseguono per indivduare i responsabili della coltivazione.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento