menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pianura, accolta dall'assessore Calabrese la petizione per via Montagna Spaccata

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Marco Nonno, ha consegnato nelle mani dell'assessore alle Infrastrutture del Comune di Napoli, Mario Calabrese, una petizione per risolvere il problema di viabilità di via Montagna Spaccata che provoca numerosi incidenti, anche mortali, ogni anno

All' indomani di un nuovo incidente a via Montagna Spaccata, in cui sono rimasti coinvolti due ventenni, il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Marco Nonno, ha consegnato nelle mani dell'assessore alle Infrastrutture del Comune di Napoli, Mario Calabrese, una petizione proposta da Salvatore Cafaro, segretario regionale di Gioventù Nazionale, firmata da circa mille cittadini.

Il consigliere Nonno e il segretario regionale di Gioventù Nazionale, nei giorni scorsi, avevano denunciato la pericolosità dell'arteria viaria che collega Pianura con i Comuni di Quarto e Pozzuoli, dove è stimato che accadano in media cinque incidenti al mese, di cui uno di categoria mortale.

"Ho consegnato all'assessore Calabrese la petizione", dice Nonno a NapoliToday, "accompagnata da una delibera di Giunta del Comune di Santa Anastasia che ha risolto un problema simile grazie agli attraversamenti rialzati, da usare come spunto e possibile canovaccio".

L'assessore alle infrastrutture del Comune di Napoli, Mario Calabrese, spiega a NapoliToday: "ho accolto la petizione dei cittadini di Pianura e ho accolto la richiesta del consigliere Nonno. Lavoreremo per risolvere il problema di viabilità di via Montagna Spaccata nel miglior modo possibile, in tempi brevi". Una parte degli interventi potrebbe rientrare anche nell'ambito del Pon Metro,  grazie al quale, conclude Calabrese, "cambieremo tutti i semafori di Napoli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento