menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Peschereccio affondato: parte la nave per operazioni di individuazione

Il Sindaco di Ercolano ha comunicato la notizia ai familiari dei marinai dispersi. Dopo l'individuazione si potrà anche procedere al recupero dei corpi con una seconda nave, l'Anteo

Ieri sera, Vincenzo Strazzullo, sindaco di Ercolano ha comunicato ai familiari di Vincenzo e Alfonso Guida, i due marinai dispersi nel mare d’Ischia, a seguito dell'affondamento del peschereccio 'Giovanni Padre', che sabato approderà al porto di Napoli una nave della Marina Militare 'Rimini', in grado di condurre le operazioni di individuazione del peschereccio affondato a circa 400 metri di profondità. Non appena la barca da pesca sarà stata individuata, una seconda nave, la 'Anteo', potrà procedere al recupero dei corpi dei due marinai, che si presuppone siano rimasti imprigionati nel loro peschereccio. Una operazione, però, che si preannuncia lunga e complessa.

" È il frutto dell'impegno di tutte le istituzioni, a cominciare dal Ministero della Difesa al governatore Caldoro, dall'onorevole Luisa Bossa al Comune - ha spiegato il sindaco Strazzullo - che questa sera i familiari hanno apprezzato molto, ringraziandoci. A loro ho ricordato anche che la città in queste ore difficili è vicina nel dolore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento