Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Sequestrata una tonnellata e mezza di pesce: era destinato alle tavole di Natale

Conttrollati decine di operatori del commercio all'ingrosso delle province di Roma e Napoli

I Carabinieri del Comando Politiche Agricole e Alimentari, con l'ausilio dell'Arma territoriale, dopo aver controllato decine di operatori del commercio all'ingrosso delle province di Roma e Napoli, hanno sequestrato circa 1,5 tonnellate di pesce prive dell'etichettatura e della documentazione previste dalle norme comunitarie e nazionali.

L'intervento del Reparto specializzato dell'Arma ha impedito che finissero sulle tavole dei cittadini alici, cernie, gamberi, merluzzi, spinarelli, triglie, pesce spada e pesce sciabola di cui risultano del tutto sconosciute la data di cattura, le modalità di conservazione e la provenienza geografica e per questo potenzialmente pericolosi per la salute anche sotto il profilo igienico-sanitario.

In vista del giorno della vigilia di Natale, che fa registrare il consumo più elevato dell'anno di pesce, è importante dunque garantire la qualità e la sicurezza del prodotto in commercio. Coldiretti ImpresaPesca ha elaborato un vademecum antitruffa per non cadere nelle trappole del mercato in una situazione in cui tre pesci in vendita su quattro provengono dall'estero.

ECCO TUTTI I SUGGERIMENTI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata una tonnellata e mezza di pesce: era destinato alle tavole di Natale
NapoliToday è in caricamento