rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca

Faraglioni Capri, pesca illegale datteri di mare: altre due condanne

Altre due condanne

"Il Tribunale di Napoli ha scardinato una diffusa visione, erroneamente riduttiva, dei crimini contro la fauna selvatica, considerati reati minori perché non valutati nella loro complessità, quali fenomeni idonei a coinvolgere, oltre agli aspetti ambientali e legati alla salute umana, anche quelli economici".

Così, in una nota, il WWF commenta la sentenza di condanna inflitta nei confronti di due imputati ritenuti coinvolti dai magistrati della V sezione della Procura di Napoli nella pesca illegale e nella commercializzazione di datteri di mare, un'attività che, come ha accertato l'indagine, ha provocato "la distruzione di enormi porzioni di fondale marino nell'area del Golfo di Napoli e dei faraglioni di Capri"

"Gli imputati sono stati condannati a pene di quattro e sei anni di reclusione e al pagamento del risarcimento e delle spese processuali a favore delle parti civili, tra cui figura il WWF Italia, assistito dall'avvocato Andrea Franco". Nel comunicato viene anche sottolineato "il grande merito delle forze di Polizia, in particolare alla Guardia Costiera e alla Guardia di Finanza". Per il WWF Italia si tratta "di una sentenza storica perché finalmente si riconosce il bracconaggio come un fenomeno che, per gli enormi volumi d'affari illeciti generati, è svolto da soggetti organizzati in maniera professionale".

Da segnalare che  l'Associazione L’Altritalia Ambiente O.D.V, difesa dall'avvocato Gennaro Caracciolo, si è costituita parte civile, venendo riconosciuta parte offesa. Riconosciuto anche il risarcimento del danno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faraglioni Capri, pesca illegale datteri di mare: altre due condanne

NapoliToday è in caricamento