rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Cronaca

Pescano datteri e distruggono l'ecosistema: condannati in dodici

La decisione del giudice

Sono stati accusati di avere provocato "alterazioni irreversibili dell'ecosistema marino e del sistema costiero, danni permanenti dovuti all'escavazione ed all'asportazione di interi pezzi di roccia frammentata, morte di milioni di organismi e micro-organismi": dodici "datterai" sono stati condannati giovedì scorso dal Tribunale di Torre Annunziata (Napoli) che, per gli imputati, ha disposto pene tra 6 e 3 anni di reclusione.

Il gup Fernanda Iannone ha ritenuto sussistente il reato di disastro ambientale. Lo scorso luglio il sostituto procuratore Antonio Barba e il procuratore aggiunto Pierpaolo Filippelli avevano chiesto pene tra 12 e 4 anni. La sentenza di primo grado giunge al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato e dopo la maxi inchiesta della Procura e della Capitaneria di Porto. Contemplato dal giudice anche il risarcimento delle parti civili. Le motivazioni della sentenza saranno rese note entro 90 giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescano datteri e distruggono l'ecosistema: condannati in dodici

NapoliToday è in caricamento