menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Tangenziale pericolosa e senza manutenzione, la magistratura la sequestri"

Così l'avvocato Angelo Pisani che annuncia una class action per il rimborso dei pedaggi pagati: "I soldi vanno restituiti poiché non spesi per garantire la sicurezza degli automobilisti"

L'avvocato Angelo Pisani, presidente di Noi Consumatori, propone il sequestro della Tangenziale di Napoli da parte della magistratura. L'importante arteria stradale partenopea è da giorni al centro delle polemiche per i lavori improvvisi che la stanno interessando, una chiusura parziale della carreggiata lungo uno dei suoi viadotti che sta generando quotidianamente lunghe code.

"Hanno scoperto l’acqua calda – sottolinea in un post social il noto legale, a proposito dei problemi di sicurezza riscontrati – ma ora la magistratura sequestri cautelativamente tutto e controlli l’intera Tangenziale per evitare pericoli. Solo la fortuna ha evitato altre stragi sulla Tangenziale di Napoli ed ora vogliamo una commissione d’inchiesta per garanzie reali e interventi seri, non come Genova o Avellino".

Caos Tangenziale, si riunisce la Commissione Trasporti

De Magistris: "Siamo sconcertati, ora stop al pedaggio"

I problemi riscontrati sulla Tangenziale

"Per fortuna, con le denunce degli utenti, si sono scoperte almeno queste infiltrazioni d'acqua causa di ossidazione, corrosione e della spaccatura delle bullonature", va avanti l'avvocato spiegando i motivi che hanno "costretto i vertici di Tangenziale Spa a far scattare le procedure di emergenza" nonché "a tenere almeno in considerazione la consulenza dell’ingegnere strutturista che ha consigliato, in attesa di definitivi controlli che avverranno nelle prossime settimane, di ridurre il carico di auto e pullman".

L'avvocato presenterà – annuncia – un esposto "per accertare le responsabilità sui controlli e sullo stato di pericolo dell’unica strada a pagamento".

Stop del pedaggio e class action: "Manca la manutenzione"

Una seconda iniziativa annunciata dal legale riguarda la richiesta di uno stop del pedaggio, e verrà messa in piedi "una class action per richiedere il rimborso ticket e risarcimento danni provocato a inconsapevoli automobilisti". Lo stop del pedaggio è richiesto "almeno fino a quando non verrà garantita la sicurezza di tutta la Tangenziale di Napoli".

"Quello che sta venendo alla luce sulla Tangenziale di Napoli è gravissimo – va avanti l'avvocato – una strage evitata, e ora vogliamo giustizia. La corrosione e la spaccatura delle bullonature, la corrosione delle lamiere, si spiegano solo con una totale assenza di manutenzione e speculazione in danno di milioni di automobilisti che ogni giorno pagano profumatamente per poter circolare . Che fine fanno allora i milioni che i napoletani sono costretti a pagare per usufruirne? Anche Questo dovrà esser accertato". "Questi soldi vanno restituiti poiché non spesi per garantire la sicurezza degli automobilisti", conclude l'avvocato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento