menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Isis, la rivelazione: "Realizzato a Napoli il falso passaporto di un attentatore di Bruxelles"

Un algerino, residente in Italia da 20 anni, ha spiegato che a realizzarli era la sua ex compagna. Avrebbe subito un pestaggio proprio per aver riportato la cosa ad un amico

Gli attentati dell'Isis avvenuti a Bruxelles nel marzo del 2016 avrebbero forti correlazioni con una rete di falsari con base a Napoli. Sebbene da verificare, sembrano importanti le rivelazioni fatte all'antiterrorismo da un algerino vittima di un pestaggio subito in un appartamento in città.

Secondo le dichiarazioni dell'uomo, rese lo scorso gennaio, il passaporto – falso – di uno degli attentatori sarebbe stato realizzato proprio nel capoluogo partenopeo. L'algerino, 41 anni, ha vissuto per 20 anni tra Napoli e altre province italiane. A realizzarli sarebbe stata una marocchina, una sua ex compagna.

Nel suo racconto, l'algerino riporta che aveva confidato l'informazione ad un amico. Successivamente l'ex e il suo nuovo compagno lo convocarono in un'abitazione al Borgo Sant'Antonio dove avrebbe subito minacce e aggressioni. A quel punto, impaurito, si è rivolto alle forze dell'ordine.

Proprio lo scorso 25 ottobre, in città è stata scoperta nei pressi di Piazza Garibaldi una stamperia clandestina con migliaia di documenti falsi, circa 7500, alcuni dei quali già pronti per la consegna. Contestualmente è stato messo in manette un cittadino ghanese. Non si esclude che possa essere proprio la "centrale" di raccordo con l'Isis di cui ha parlato il testimone algerino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento