Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Casamicciola terme

Parente del piccolo Ciro minaccia suicidio: «Senza acqua e luce dopo il sisma»

L'anziano ha minacciato il gesto estremo per il figlio Nicola. Per un'accusa di spaccio è costretto nella sua abitazione nella zona rossa

Dopo la tragedia del sisma di Ischia, durante il quale hanno perso la vita due persone, si consuma adesso il dramma degli sfollati a pagarne le conseguenze è l'anziano Pasquale Toscano, parente del piccolo Ciro. Come scrive “Il Dispari”, l'anziano ha minacciato questa mattina il suicidio. A spingerlo alla disperazione sono le condizioni in cui vive l'altro figlio, Nicola e la sua famiglia. Come dice l'anziano, il figlio è costretto a rimanere nella sua abitazione all'interno della zona rossa.

Una casa al cui interno non arrivano né acqua e né luce e al momento non sembra ci siano altre alternative. A complicare la sua situazione c'è infatti un provvedimento cautelare emesso ai suoi danni per un'indagine per spaccio di droga. Obbligo di dimora che lo costringe a rimanere ad Ischia e la sua abitazione potrebbe diventare una trappola così come successo al fratello Alessandro, padre dei tre piccoli rimasti sotto le macerie e salvati dopo diverse ore. L'anziano è stato fermato dai carabinieri anche se al momento non ci sono risposte per dimore alternative per il figlio.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parente del piccolo Ciro minaccia suicidio: «Senza acqua e luce dopo il sisma»
NapoliToday è in caricamento