Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Parco Verde una pattumiera, così chiuderò la chiesa”: la denuncia di Don Patriciello | VIDEO

 

Il Parco Verde è una lurida, fetida, invivibile pattumiera. Di questo passo sarò costretto a chiudere la chiesa”. È questo il grido di denuncia di Padre Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano che si batte da sempre per contrastare i crimini ambientali in difesa del diritto alla salute. Da anni in questa terra si continuano a sversare illegalmente rifiuti tossici che minacciano la salute dei cittadini. Bambini, donne, uomini si ammalano e muoiono di cancro per l’unica colpa di essere nati e cresciuti nella Terra dei Fuochi.

In un breve video postato su Facebook, a pochi giorni dalle elezioni europee, Don Patriciello mostra, seguito dai tanti bambini che animano la sua comunità religiosa, la discarica a cielo aperto che circonda la chiesa, la scuola e la guardia medica di Caivano. “Al Parco Verde, dopo anni di lotta, - denuncia Don Patriciello - siamo ancora in queste condizioni. A pochi metri dalla chiesa, a pochi metri dalla scuola elementare, a pochi metri dalle abitazioni e dalla guardia medica, ci sono cumuli di spazzatura, un immondezzaio a cielo aperto”. Padre Maurizio conclude il suo video-denuncia con un appello ai responsabili della cosa pubblica: “Chiediamo al commissario di Caivano, al prefetto di Napoli e al ministro dell’Ambiente di volgere uno sguardo al Parco Verde di Caivano dove continuiamo ogni giorno la nostra battaglia per i diritti dei bambini”.

Quella del parroco di Caivano è l’ennesima denuncia contro uno scempio ambientale che continua a causare vittime innocenti di fronte all'immobilismo delle Istituzioni.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento