Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parco quartieri spagnoli: orario dimezzato. I cittadini: "Così bimbi restano in strada"

E' l'unico spazio aperto dei quartieri spagnoli, l'unico luogo che le associazioni del territorio possono utlizzare per le attività socio-educative. Eppure, l'orario di accesso all'area verde è stato anticipato di sei ore: invece delle 21 chiuderà alle 15.30

 

E' l'unico spazio aperto dei quartieri spagnoli, l'unico luogo che le associazioni del territorio possono utlizzare per le attività socio-educative. Eppure, l'orario del Parco dei quartieri è stato dimezzato e invece di chiudere alle 21, chiuderà alle 15.30. Un provvedimento dettato dalla mancanza del personale di guardia, ma che rende l'area verde inutilizzabile per i minori che, proprio oggi, hanno ripreso la scuola. 

"Sostenere pubblicamente l'importanza delle attività educative per i minori e non fare nulla per sostenerle è una contraddizione grave per il Comune di Napoli - attacca Alfonso De Vito, attivista del comitato di quartiere - L'Amministrazione è a conoscenza di questa situazione, ma non ha dato alcuna risposta".  

Il parco è utilizzato da diverse associazioni, tra cui lo Spartak San Gennaro, un squadra di calcetto che abbina sport e attività educative con i minori del territorio. Minori che, adesso, saranno costretti a restare a casa oppure, peggio, per strada: "Non ci sono luoghi alternativi nel quatiere - spiega Ester Sessa, madre e presidente della squadra - ci siamo proposti anche di custodire il parco di pomeriggio volontariamente, ma l'assessore Ciro Borriello ha rifiutato. Così come è stata rifiutata la proposta di spostare l'apertura al pomeriggio, quando potrebbe essere utilizzato dai ragazzi". 

Da Palazzo San Giacomo fanno sapere che incontreranno i genitori, ma per il momento si è assistito solo a un rimpallarsi delle responsabilità tra gli assessorati Patrimonio, Giovani e Politiche sociali. La situazione dei parchi napoletani non è rosea e la mancanza di personale costringe spesso a orari ridotti, un destino che ha riguardato anche il Parco Virgiliano. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento