menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le pagine

Le pagine

"Chiudete subito quelle pagine social criminali": la denuncia

Il messaggio di Borrelli e Simioli: "Chiediamo alla Magistratura di verificare se tramite queste pagine si scambiano messaggi i delinquenti e anche i carcerati che non potrebbero interagire con il mondo esterno"

Si chiamano "Arresti Domiciliari", "Noi Carcerati" e "‘O Sistema", e sono le pagine Facebook finite nell'occhio del ciclone in queste ore. A denunciare i loro "contenuti inquietanti" e a dirle "gestite da criminali con messaggi rivolti ad altri delinquenti che inneggiano alla camorra e alla malavita in modo esplicito", è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli insieme allo speaker radiofonico Gianni Simioli.

"Chiediamo alla Magistratura - sottolinea in una nota Borrelli - di verificare se tramite queste pagine si scambiano messaggi i delinquenti e anche i carcerati che non potrebbero interagire con il mondo esterno".

Le pagine in questione "inneggiano alla camorra", "pubblicano video in cui sparare in aria con pistole e mitragliatrici o girare senza casco seminando il panico lungo le strade del napoletano è la normalità". Spesso in esse - vanno avanti Borrelli e Simioli - "i protagonisti di "Gomorra la serie" sono punti di riferimento e figure eroiche mentre le forze dell'ordine e la polizia penitenziaria in particolare vengono insultati e criticati in ogni modo".

Vengono segnalati anche "post contro gli "infami" cioè coloro che diventano testimoni di giustizia contro la criminalità. Queste figure vengono prese di mira in ogni modo dagli utenti e dai post delle pagine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

social

Lotto, estrazione di giovedì 22 aprile 2021

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Omicidio Cerrato, i Carabinieri fermano quattro persone

  • Cronaca

    Zona gialla per quasi tutte le regioni, Campania in bilico

  • Attualità

    Concorso Sud 2800 posti, oltre 18mila domande dalla Campania

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento