"Ricoverato, tengono mio padre legato al letto": arriva la risposta del Cto

La direzione ospedaliera del nosocomio ha diffuso un comunicato sulla vicenda di un paziente che da giorni si sta diffondendo sui social

"Lo hanno legato al letto". È la denuncia, sui social, del figlio di un degente del Cto. Il suo post ha ottenuto in tre giorni 13mila condivisioni e oggi ha costretto l'ospedale dell'Azienda dei Colli a spiegare la situazione. "Mio padre non è totalmente cosciente è stanco – spiega l'autore del post – sta fermo nella stessa posizione da due mesi". L'uomo allega anche una foto in cui mostra il genitore legato al letto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La direzione dell'ospedale ha risposto sulla vicenda: "Le misure di contenimento, assunte informando i familiari, erano necessarie, urgenti e indifferibili – spiega la direzione sanitaria in una nota – dal momento che il paziente in questione, le cui condizioni non consentono una sedazione, più volte aveva tentato di liberarsi dai dispositivi respiratori che lo mantenevano e, attualmente, lo mantengono in vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento