Incontra il figlio 11 volte in 11 anni: condannato a un risarcimento

Un ex calciatore napoletano, trasferitosi in Germania dopo il divorzio, ha incontrato il figlio solo una volta all'anno. Per il giudice il bambino va risarcito

Solo undici volte in undici anni. Con questa frequenza un padre napoletano, ex calciatore, ha incontrato il figlio dopo il divorzio dalla ex moglie. Non solo: in undici anni il padre, P.V., non ha mai versato la modesta somma mensile che il Tribunale aveva stabilito in sede di divorzio. Per questi motivi il giudice ha condannato il padre a versare il doppio di quanto pattuito più un risarcimento per la sofferenza che il figlio ha subito, quantificata in circa 13mila euro. La notizia è riportata dal Corriere del Mezzogiorno. 

Da undici anni, da quando il divorzio è diventato effettivo, l'ex calciatore si è trasferito in Germania, dove si occupa di commercio. Da quella data ha visto il figlio una volta all'anno, limitandosi a sporadiche telefonate. Secondo l'avvocato della madre, il bambino starebbe crescendo con grandi insufficienze caratteriali - dovute, sembrerebbe, proprio all'assenza paterna. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento