Polemiche contro i professori del Policlinico Federico II, il messaggio del direttore Anna Iervolino

"La pandemia ci mette ogni giorno alla prova, serve unità. Le dispute personali non hanno senso"

"Mi dispiace molto vedere che in un clima di grande emergenza, un’intera categoria sia finita sotto accusa. Sento il dovere morale di testimoniare l’impegno e l’abnegazione profusa dalla componente universitaria nel pieno di una pandemia che ci mette ogni giorno alla prova", così il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, Anna Iervolino interviene sulle polemiche che in questi giorni hanno coinvolto alcuni dei suoi professori.

Consapevole degli sforzi che saranno ancora necessari, la Iervolino lancia un appello all’unità: "Ridurre lo sforzo di questi mesi ad una disputa personale non ha senso, anche e soprattutto agli occhi dei cittadini che hanno bisogno di rassicurazioni. Credo sia invece giusto ribadire come le difficoltà abbiano messo in luce soprattutto una grande capacità di fare squadra. Voglio anche ringraziare il rettore Arturo De Vivo per il sostegno che non ha mai fatto mancare e il neo eletto rettore Matteo Lorito che ha sin da subito mostrato grande sensibilità ai cambiamenti organizzativi necessari per fronteggiare la crisi. Abbiamo chiesto a tutti, docenti e non docenti, sacrifici enormi. Molti altri ne chiederemo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, ma sono certa che nessuno si tirerà indietro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

Torna su
NapoliToday è in caricamento