Cinque mesi d'attesa per analisi del sangue al Capilupi, l'Asl: "Errore del software, gap lockdown quasi colmato"

Dall'Asl Napoli 1 Centro chiarimenti a proposito della notizia riguardante l'ospedale caprese

Capilupi di Capri

L'Asl Napoli 1 Centro è intervenuta con una nota ufficiale a proposito della notizia diffusa da alcuni organi di informazione sui “5 mesi di attesa per le analisi del sangue in regime ambulatoriale” necessari all'ospedale Capilupi di Capri.

“I ritardi esistenti sono stati determinati dalla chiusura delle attività legata al Covid-19 (periodo nel quale tutte le attività sono state ridotte al minimo ad eccezione dei casi di estrema urgenza e indifferibili) – spiega l'Asl – È bene chiarire che i 5 mesi di attesa sono tali solo sotto il profilo formale, ma in realtà ogni ritardo sarà colmato nelle prossime 3 settimane. L’errore nasce chiaramente dalle regole di un sistema informatico che necessariamente mantiene in memoria le analisi di marzo e maggio e che andavano recuperate”.

“Nella realtà il presidio ospedaliero sta recuperando i ritardi accumulati (già recuperate le prestazioni per i mesi di marzo, aprile e maggio) e – prosegue ancora l'Asl a proposito del Capilupi – si punta a colmare il gap complessivo nell'arco di tre settimane fino ad azzerare le attese (ad oggi ogni giorno sono chiamati al prelievo anche cinque pazienti prenotati a luglio e così si continuerà fino ad azzerare i “ritardi”)”.

“Per questo motivo si procede ormai – è la conclusione della nota – ad un ritmo consolidato che prevede una media di 60 prelievi al giorno, tra prenotati e pazienti ai quali è prescritta una richiesta urgente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rammarica – spiega Mariella Corvino, Direttore dipartimento assistenza ospedaliera – che ancora una volta si punti a titoli d'effetto, senza comprendere i motivi e, soprattutto, senza cercare conferme dalla direzione dell’azienda, alimentando così un comprensibile disorientamento dell’utenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Protesta Whirlpool, operai bloccano l'imbocco dell'A3: auto incolonnate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • SuperEnalotto da capogiro a Bacoli, vincita da mezzo milione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento