rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Torre annunziata

Covid, boom a Torre Annunziata: il sindaco ripristina la “zona arancione”

Scuole tutte chiuse, così come le attività dei servizi di ristorazione. “Situazione allarmante, responsabilità o prenderò misure ancora più restrittive”

Stessi limiti di una zona arancione. Sono quelli stabiliti per la città di Torre Annunziata da un'ordinanza del sindaco Vincenzo Ascione. La scelta avviene a seguito “dell'aumento esponenziale - si legge in una nota diramata dall'ufficio stampa del primo cittadino - dei contagi da Coronavirus sul territorio” conseguentemente ai quali Ascione “ha sollecitato un intervento dell'unità di crisi regionale per l'emergenza Covid-19'”.

La situazione è allarmante – spiega il sindaco – Confido nella responsabilità di ogni singolo cittadino affinché assuma atteggiamenti di grande prudenza in qualsiasi momento della propria vita relazionale e sociale. Se non ci sarà un'inversione del trend dell'attuale crescita della curva epidemiologica, sarò costretto a prendere provvedimenti ancora più restrittivi”.

I provvedimenti nel dettaglio

Dal primo all'8 febbraio è stata decisa la sospensione dell'attività didattica in presenza di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici e privati, presenti sul territorio di Torre Annunziata oltre che dei servizi educativi della scuola dell'infanzia.
Salva la possibilità di svolgere attività in presenza solo se è necessario l'uso di laboratori o in “ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”.

Sospese anche le “attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, a condizione che vengano rispettati i protocolli o linee guida dirette a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, sia per l'attività di confezionamento che di trasporto nonché, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze'”.

Sospeso infine anche il mercato settimanale del venerdì negli spazi antistanti lo stadio comunale Giraud, ad eccezione dell'esercizio delle attività di vendita di generi alimentari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, boom a Torre Annunziata: il sindaco ripristina la “zona arancione”

NapoliToday è in caricamento