Ucciso per uno schizzo di champagne: arrestati due uomini dei Lo Russo

In manette Luigi Mango e Gianluca Annunziata per l'uccisione di Vincenzo Priore nella masseria Cardone

A sette anni di distanza arriva una svolta nelle indagini per l'omicidio della Masseria Cardone dove venne ucciso Vincenzo Priore e venne ferito Giuseppe Barretta. La Squadra mobile di Napoli ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, a carico di due soggetti ritenuti legati al clan Lo Russo. Si tratta di Luigi Mango e Gianluca Annunziata, entrambi napoletani di 26 e 27 anni, giovanissimi all'epoca dei fatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il delitto 

Fatti che risalgono al 15 novembre 2012 quando tutto partì da una lite banale che proseguì con una rissa all'esterno di una discoteca di Sant'Antimo. Si scontrarono un gruppo di ragazzi, tra cui elementi legati al clan Lo Russo, e un altro con giovani appartenenti alla famiglia Licciardi. L'epilogo fu la sparatoria in cui Priore venne ucciso da un colpo che lo colpì al gluteo e venne ferito alla testa Barretta che riuscì però a scampare alla morte. Fondamentali per la ricostruzione del delitto le dichiarazioni dei pentiti riscontrate grazie ad accertamenti tecnici degli investigatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento