menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio ginecologo: il mistero del telefonino sparito e il rolex accanto al corpo

Sembra ormai accantonata l'ipotesi della rapina finita male. Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire le ultime ore di vita dello stimato professionista morto a Milano

Proseguono le indagini per ricostruire l'omicidio di Stefano Ansaldi, ginecologo beneventano specializzato in fecondazione assistita con studio a piazza Cavour, molto conosciuto a Napoli, ucciso con una coltellata alla gola a Milano in via Macchi.

Indagini

L'inchiesta è condotta dal Nucleo Investigativo dei carabinieri e diretta dal pm Adriano Scudieri. Il delitto resta avvolto nel mistero. Sembra ormai sempre più improbabile l'ipotesi di una rapina finita male e si indaga sui motivi che hanno portato il professionista 65enne in Lombardia. 
Il suo cadavere è stato infatti trovato sotto un ponteggio per la ristrutturazione della facciata di un edificio di via Macchi, situato a pochi passi dalla stazione centrale, in una pozza di sangue, con il rolex, il portafogli e una valigetta (al cui interno c'erano solamente biscotti), accanto al corpo. Ansaldi indossava ancora dei guanti in lattice e la mascherina. Trovato sull'asfalto anche un coltello da cucina, probabile arma del delitto. Nessuna traccia invece del suo telefonino, che avrebbe potuto fornire importanti elementi sulle ultime ore del ginecologo e sui motivi del viaggio a Milano. La vittima aveva in tasca solamente il biglietto di andata, ma questo dettaglio dice poco dato che i treni da Milano a Napoli sono sempre frequenti. I due aggressori, invece, la cui identità è ancora avvolta nel mistero, si sarebbero cambiati d'abito dopo l'omicidio facendo perdere le proprie tracce.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione giovedì 21 gennaio 2021

social

Lotto, estrazione martedì 19 gennaio 2021

Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento