Uccisa dal marito, la lettera testamento: "Quando morirò, i miei figli ai nonni"

La lettera di Stefania Formicola, uccisa ieri a Sant'Antimo dal marito Carmine D'Aponte, risale al 2013

Il luogo del delitto, foto Ansa

Una vera e propria lettera "testamento". È quanto aveva scritto, nel 2013, Stefania Formicola, la donna uccisa ieri a Sant'Antimo dal marito Carmine D'Aponte. La donna sapeva dei rischi cui andava incontro, e anche sua madre – nella giornata di ieri – ha raccontato che era soltanto la paura delle conseguenze ad impedirle di denunciare il coniuge.

Nella missiva, un foglio scritto a mano che risale all'aprile di tre anni fa e che è stata oggi pubblicata dal Mattino e da Repubblica, Stefania parla con freddezza della sua morte. Come di un'eventualità verosimile e vicina.

"Alla mia morte, qualunque ne sia la causa, mio figlio deve essere affidato a mia madre e mio padre – scrive – e in caso di loro morte a mia sorella Fabiana". I rapporti della 28enne con Carmine D'Aponte erano oramai da tempo difficili, lei voleva la separazione. Poi, ieri, il dramma.

INTERROGATORIO DI GARANZIA - Sarà probabilmente domani il giorno dell'interrogatorio di garanzia per Carmine D'Aponte. Non è da escludersi che possa di nuovo avvalersi della facoltà di non rispondere come al momento dell'arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento