menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri

Carabinieri

Agguato in città: ucciso un 46enne con tre colpi d'arma da fuoco

Rodolfo Zingo, già noto alle forze dell'ordine, è stato ferito mortalmente alla testa e a una spalla. L'uomo è deceduto durante il trasporto verso l'ospedale San Paolo

Omicidio a Napoli in via Cattolica, nel quartiere Fuorigrotta. La vittima è Rodolfo Zingo, 46 anni. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato raggiunto da tre colpi d'arma da fuoco che l'hanno ferito alla testa e a una spalla. Zingo è deceduto in ospedale subito dopo il ricovero. Indagini in corso da parte dei carabinieri.

LA VITTIMA - Rodolfo Zingo era sottoposto al regime di sorveglianza speciale ed era ritenuto un personaggio di spicco della cosiddetta "Nuova mafia flegrea". Il quarantaseienne pluripregiudicato era uscito dal carcere dopo una lunga detenzione nel settembre 2013. Soprannominato "'o gemello", era stato arrestato la notte del 9 gennaio 2003, dopo due mesi di latitanza, scovato in un appartamento del popoloso rione Sanità. I carabinieri lo sorpresero nel sonno. Era ricercato per essere sfuggito ad un'operazione effettuata nel novembre dell'anno precedente nei confronti di numerosi componenti della "Nuova camorra flegrea" e del clan "D'Ausilio", all'epoca rivali per il controllo dell'area di Bagnoli, con le accuse di associazione per delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da guerra, estorsione aggravata e continuata.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento