Omicidio al Rione Villa, sette ergastoli e una condanna a 14 anni

L'omicidio di Luigi Mignano, 57 anni, avvenne nell'aprile del 2019 a pochi passi da una scuola dell'infanzia a San Giovanni a Teduccio mentre l'uomo accompagnava il nipotino a scuola

La scena del delitto (foto Ansa)

Si è concluso con sette ergastoli e una condanna a 14 anni di reclusione il processo, con rito abbreviato, sull'omicidio di Luigi Mignano avvenuto il 9 aprile del 2019 nella zona del Rione Villa, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, dinanzi ad una scuola per l'infanzia.

Mignano, 57 anni, stava accompagnando il nipotino a scuola, quando fu ucciso da alcune persone a bordo di uno scooter che esplosero colpi di arma da fuoco. Nell'agguato rimase ferito anche il figlio di Mignano, mentre il nipotino di 3 anni rimase fortunatamente illeso. A colpire fu l'immagine dello zainetto del piccolo, rimasto a terra abbandonato sulla scena del delitto.

Nei giorni successivi ci fu anche la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nella parrocchia San Giuseppe e Madonna di Lourdes, a pochi passi dall'incrocio tra via Sorrento e via Ravello dove avvenne l'omicidio, proprio per esprimere la vicinanza dello Stato alla gente del quartiere. 

"Napoli, come ogni grande città, ha dei problemi. Qualunque grande città del mondo, del nostro Paese, ha problemi. Ognuno ha i suoi particolari. Napoli ha anche problemi di sicurezza. Nei giorni scorsi abbiamo visto un episodio drammatico, un omicidio. Non si possono fare graduatorie di gravità degli omicidi, ma quando avviene in presenza di un bambino l'atrocità è ancora maggiore", le parole pronunciate quel giorno da Mattarella. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le condanne 

Carcere a vita per Umberto Luongo, Ciro Rosario Terracciano, Salvatore Autiero, Pasquale Ariosto, Gennaro Improta, Giovanni Salomone e Giovanni Musella. Condanna di 14 anni, invece, per Umberto D'Amico, al quale - riferisce l'Ansa - sono state riconosciute le attenuanti previste per i collaboratori di giustizia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AGGUATO AL RIONE VILLA, LE URLA STRAZIANTI - VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento