Omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega, la moglie: “Lo sogno sempre”

Rosa Maria Elisio, moglie del vicebrigadiere napoletano ucciso un anno fa a Roma: “Era un uomo che aveva dedicato la sua vita al prossima. I suoi occhi azzurri li ho dovuti chiudere io per sempre. Ora aspetto giustizia”

"Mio marito è nei miei pensieri sempre, di giorno e di notte, mi accompagna nella vita quotidiana e nei miei sogni. I suoi occhi grandi azzurri li ho dovuti chiudere io per sempre quella notte del 26 luglio 2019 e non li rivedrò mai più". Rosa Maria Esilio, vedova del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ricorda così in un'intervista esclusiva all'Adnkronos il marito ucciso con undici coltellate la notte del 26 luglio di un anno fa a Roma.

A distanza di un anno sotto processo si trovano due giovanissimi americani, Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth. “Era un uomo buono e giusto, un uomo che aveva dedicato la sua vita semplice al servizio del prossimo”, spiega la signora Esilio. “Mio marito era entrato nell'Arma quand'era ancora un ragazzo, il 21 novembre 2008, il giorno della Virgo Fidelis. Dopo pochi mesi ha perso prematuramente il padre senza che riuscisse a vederlo in divisa da carabiniere”. Da quel momento Mario assume il compito di aiutare la madre, il fratello e la sorellina, provvedendo a tutto.

La scia d’odio

“Ho dovuto assistere a tanta disinformazione e mala informazione riportata in notizie e commenti davvero offensivi e fuori luogo che hanno cercato di travisare l'eroismo di un uomo per bene d'altri tempi, senza dare onore al suo sacrificio. Io sento di essere custode della sua memoria e dunque esorto tutti al rispetto e alla riconoscenza", spiega la signora Esilio.

Giustizia

"Credo nei valori della Repubblica e della Giustizia, perché a questi stessi ideali Mario ha dedicato la sua vita fino a perderla, si è immolato per assicurare i criminali alla giustizia, perché questa era la sua fede. Confido nel lavoro della Magistratura, degli inquirenti e dei nostri avvocati che con tanta professionalità curano l'andamento di questo difficile e delicato processo", conclude la moglie di Mario Cerciello Rega.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento