Uccide a coltellate l'ex, Ascione chiede il rito abbreviato: punta ad uno sconto di pena

A Venezia l'udienza preliminare del processo a carico di Antonio Ascione per l'omicidio di Mariarca Mennella

Richiesta (e ammissione) del rito abbreviato da parte dei legali dell’omicida, che era in aula ma non ha profferito parola, e costituzione di parte civile di tutti quanti i familiari della vittima.

Questi gli elementi principali emersi dall’udienza preliminare celebratasi quest’oggi, 4 giugno 2018, in Tribunale a Venezia, davanti al Gip, dott. Massimo Vicinanza, in relazione alla richiesta di rinvio a giudizio da parte del Pubblico Ministero della Procura veneziana, dott. Raffaele Incardona, nei confronti di Antonio Ascione, il 44enne pizzaiolo di Torre del Greco che il 23 luglio 2017 accoltellò a morte l’ex moglie Maria Archetta Mennella, 38 anni, nell’abitazione di Musile di Piave, nel Veneziano, dove la donna risiedeva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accusa

I capi d’imputazione a carico dell’assassino reo confesso sono pesanti: il Pm contesta ad Ascione, detenuto nel carcere veneziano di Santa Maria Maggiore, il reato di omicidio con diverse aggravanti: per aver commesso il fatto per futili motivi (la gelosia); per aver agito “con premeditazione, dopo aver reiteratamente minacciato di morte la moglie”; per aver perpetrato il crimine contro il proprio coniuge e madre dei suoi figli, e quindi aggravato dal vincolo di parentela; “per aver aggredito la moglie nelle prime ore del mattino quando la stessa era ancora distesa a letto e incapace di opporre una adeguata difesa”. Non solo. Ascione dovrà rispondere anche di minacce aggravate. Com’era nell’aria, il suo legale, l’Avv. Giorgio Pietramala, per ottenere lo sconto di un terzo della pena, ha chiesto il rito abbreviato, che è stato ammesso. Per contro, i familiari della vittima, che invece non erano in aula data la lontananza (risiedono quasi tutti in Campania), attraverso il proprio penalista, l’avvocato Alberto Berardi, si sono costituiti tutti parte civile nel processo: l’anziana mamma, i fratelli, le sorelle e, soprattutto, i due figli minorenni rappresentati dalla zia materna Assunta, su autorizzazione del giudice tutelare. “Un segnale importante della ferma volontà da parte di tutta quanta la famiglia di far valere i propri diritti e di ottenere giustizia per la propria figlia, la propria sorella, la propria mamma, e una pena congrua per l’imputato” commenta l’Avvocato Berardi, con cui collabora anche Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni tipologia di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini, che si fa carico gratuitamente di assistere la famiglia Mennella. Berardi e il consulente personale di Studio 3A, Riccardo Vizzi, peraltro, hanno dato un contributo fondamentale alle indagini portando alla luce i messaggi whatsapp che la figlia di Marciarca aveva scambiato pochi giorni prima del delitto con il padre, da cui emergeva che quest’ultimo aveva minacciato di morte l’ex moglie con un coltello: una circostanza cruciale per contestare ad Ascione la premeditazione e l’ulteriore reato di minacce aggravate. Ha chiesto di costituirsi parte civile, e l’avvocato Berardi non ha avuto nulla in contrario, anche la onlus “Bon’t worry”, associazione che si batte contro le violenze di genere, in particolare quelle contro le donne e i bambini. L’udienza per la celebrazione del rito abbreviato è stata quindi rinviata al 27 settembre 2018, sempre in Tribunale a Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento