Omicidio del diciassettenne di Gragnano, emessi 4 fermi

Si temono ritorsioni e faide familiari dopo l'uccisione del 17enne Nicholas Di Martino. Intanto è stato convalidato il fermo per uno dei due accusati

(foto di repertorio)

Il gip di Torre Annunziata ha convalidato il fermo emesso nei confronti di Maurizio Apicella per l'assassinio di Nicholas Di Martino, 17 anni, di Gragnano, e del tentato assassinio del  cugino di Nicholas, Carlo Langellotti, 30 anni. Apicella e Ciro Di Lauro, altro accusato, sono custoditi in carcere. 

La DDA di Napoli ha inoltre emesso quattro fermi per la sparatoria avvenuta tra domenica 24 e lunedì 25 maggio a Gragnano. Tra i quattro figurerebbero anche due zii del diciassettenne. Le misure cautelari servirebbero a evitare possibili ritorsioni dopo la sparatoria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

  • Scende dall'auto e si lancia nel vuoto dal ponte dei suicidi: muore 71enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento